In questo sito utilizziamo i cookies per migliorare il sito stesso e la sua fruibilità. Alcuni cookies sono necessari per il funzionamento del sito web.
Utilizziamo alcuni cookies di terze parti per acquisire informazioni statistiche in formato anonimo al fine di migliorare il sito.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.
Puoi utilizzare le impostazioni del tuo browser se vuoi bloccare i cookies di questo sito.

Invito all'adesione. Appello per la Chiesa e per il mondo ai fedeli Cattolici e agli uomini di buona volontà. L'appello di S.E.Mons. Carlo Maria Viganò di cui è firmatario il prof. Francesco Lamendola

L'APPELLO DI MONS. CARLO MARIA VIGANO'

Per firmare l'appello clicca qui sotto: 

 

http://veritasliberabitvos.info/firma-lappello/

Roberto Pecchioli


ELOGIO DELL’APPARTENENZA

Identità, comunità e amor di Patria al tempo del mondialismo apolide 

  

Il futuro appartiene a chi possiede una storia e riesce a raccontarla. Ma una storia, per essere tale, non è mai un parto individuale: è sempre la narrazione di un “Noi” che incarna un’origine, un percorso e un destino. La nostra Italia, nonostante tutto, ha ancora una storia da raccontare: sono i mille tasselli di una Civiltà profonda, che affonda le radici nel genio dei nostri antenati e nell’orizzonte dei nostri figli. Questo patrimonio perenne – di fatto – rappresenta la nostra Tradizione, colonna portante di quella comunità organica che popola la nostra Patria.

La post-modernità – liquida e apolide – ha scelto di annegare le differenze nel calderone multiculturale dell’uniforme, rimodellando il pianeta sullo schema omologante della cosmopoli globale: dal livellamento dei popoli alla distruzione del sacro; dal superamento dei confini alle migrazioni di massa; dalla sovversione degli equilibri sociali al capitalismo della sorveglianza; dalla mistica dei diritti soggettivi alla religione del progresso; dalla demolizione degli Stati sovrani alla tirannia degli apparati burocratici; dallo strapotere delle élite finanziarie all’egemonia dei colossi digitali. Il rullo compressore del mondialismo – votato all’affermazione di una “società aperta” senza volto – sta travolgendo ogni espressione specifica in nome di una globalizzazione che è delle merci e del linguaggio, ma anche dei corpi e delle anime.

La nostra Italia è in via di estinzione: afflitta dalla denatalità, invasa da esodi biblici, umiliata dai meccanismi sovranazionali, smembrata da svendite e privatizzazioni, ferita da mafie e corruzione, comprata all’asta da predoni e speculatori stranieri; un Paese stanco e sottomesso, che esporta cervelli ed importa guai, nella totale indifferenza di una classe politica dalle inclinazioni esterofile ed anti-nazionali.

Sull’orlo del baratro, allora, occorre reagire: è necessario riaffermare la vitale armonia delle nostre radici e della nostra identità, dei nostri retaggi e dei nostri princìpi, dei nostri riti e dei nostri miti. Occorre un sincero elogio dell’appartenenza, che riaccenda l’idem sentire di un popolo che ha bisogno di tornare sovrano, ritessendo la trama del proprio spirito nazionale. Perché una Patria, anzitutto, resta integra quando si salvano i suoi valori e la sua capacità di trasmetterli.

Questo saggio, scritto sotto forma di “Lettera ad un ragazzo della classe 2020”, è un affascinante viaggio attorno ai concetti di appartenenza e di comunità, attraverso le mille tracce di una cultura libera e dissidente. “Amo il mio Paese perché è mio”, si diceva un tempo: ciò che abito, condivido e riconosco – dunque – rappresenta il mio orizzonte di senso. Queste pagine, coraggiose e controcorrente, porgono al lettore il testimone di un’esortazione vitale: “Diventa ciò che sei”.

 

 

Info & Acquisti: www.passaggioalbosco.it  

L'ARTICOLO CONSIGLIATO: BASTAVA UN PO' DI BUON SENSO

Questa è una guerra economica e in quanto tale, ci sono le caratteristiche per adottare una economia di guerra che, in parole povere riconduce ad un cambio di paradigma nella vita di tutti i giorni, modificando non solo stili di vita economica, ma adeguando produzione e commercio alle necessità contingenti, come in parte sta già accadendo.

di  Stefano Lecca

Due video consigliato del 10° Toro. Roberto Pecchioli e Francesco Lamendola: "La quarta teoria politica" del filosofo russo Alexandr Dugin punta sulle diversità. Ogni popolo deve mantenere i propri usi e costumi, le istituzione che gli si adattano e strutture politiche. 30 novembre 2018 - Presentazione del libro “Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio” 

 

Vedi il video: 1° VIDEO: "PECCHIOLI - DUGIN"

Vedi il video: 2° VIDEO: "LAMENDOLA - DUGIN"

 Vedi: IL VIDEO "BENEDETTA SCUOLA"

   

 

PROMO PRESENTAZIONE TECNOPOLIS

 

Leggi l'articolo: MERITARE VENEZIA

 Venezia non muore solo di acqua granda, ma di abuso, stupro continuato cui non sono estranei gli ultimi veneziani, in larga misura non degni degli avi: è il momento di meritarcela, restituiamola alla storia e l’onore a noi stessi di Roberto Pecchioli  

VIDEO: "LA MIA AVANGUARDIA"

Il video con gli interventi di Roberto Pecchioli, Francesco Lamendola e Adriano Tilgher autore del libro "La mia Avanguardia": testimonianza appassionata di un protagonista, che ha attraversato mezzo secolo delle vicende politiche della nostra Patria